La dieta può incidere sull’efficacia delle terapie antitumorali?

Modificare la dieta può avere un effetto benefico sull’efficacia delle terapie antitumorali? I tumori dipendono dai nutrienti per crescere e sopravvivere: per questo, le modifiche alle abitudini alimentari possono contribuire a inibire la crescita del tumore stesso. Una prospettiva promettente anche per migliorare l’efficacia dei farmaci antitumorali.  Studi recenti suggeriscono che modificare i nutrienti presenti nella dieta possa alterare l’efficacia delle terapie per il cancro e sono proprio questi gli aspetti esaminati in profondità da un articolo comparso su Nature a marzo 2020: eccone una sintesi.

Dieta e terapie antitumorali: le novità dalla ricerca scientifica

Modificare la dieta per integrare le terapie antitumorali è un approccio che sta ricevendo sempre più attenzione da parte della comunità scientifica. La composizione dietetica determina la disponibilità di nutrienti nel plasma e quindi nel microambiente delle cellule del corpo, compresa la cellula tumorale. La manipolazione dell’ambiente metabolico delle cellule tumorali modifica notevolmente la loro attività metabolica, producendo dei cambiamenti nella reattività ai farmaci, nel tasso di proliferazione e nei fabbisogni metabolici.

Poiché gli strumenti di ricerca per lo studio delle dipendenze metaboliche dei tumori in vivo sono migliorati negli ultimi anni, è stato registrato un aumento delle segnalazioni che dimostrano gli effetti della modifica della disponibilità di metaboliti specifici sulla progressione del cancro e sulla risposta alla terapia. Questi studi preclinici sono distinti dagli studi epidemiologici che hanno descritto le associazioni tra stile di vita, abitudini alimentari, eccesso di cibo e cancro e sono limitati alla correlazione retrospettiva con i fattori di rischio. La recente ricerca in vivo punta su possibili strategie per la manipolazione della dieta che potrebbero migliorare le risposte al trattamento a seguito di una diagnosi di cancro e indica che specifici tipi di tumore potrebbero essere obiettivi per queste manipolazioni.

Dieta e terapie antitumorali: limitare alcuni nutrienti

Studi preclinici hanno suggerito che limitare alcuni nutrienti può essere utile per migliorare l’efficacia delle terapie contro il cancro. Inoltre, alcuni regimi dietetici che limitano interi gruppi di nutrienti sembrano avere un effetto benefico sull’inibizione della progressione del cancro.

Digiuno

Diverse pratiche di digiuno hanno dimostrato di prevenire il cancro nei topi. Il digiuno intermittente previene il linfoma nei topi anziani e ritarda lo sviluppo di sarcoma e linfoma nei topi, anche se in una fase avanzata della vita (7-10 mesi). La combinazione di cicli di digiuno prolungati (48-60 ore) e chemioterapia ha migliorato significativamente la risposta alla terapia nei modelli di xenotrapianto di topo di carcinoma mammario, melanoma, glioma e neuroblastoma.

Riduzione del glucosio

Il glucosio è un nutriente fondamentale che viene utilizzato attraverso differenti vie metaboliche e che i tumori avanzati utilizzato per sostenere la propria crescita. Il glucosio è una fonte di produzione di energia utile per la sintesi di biomolecole che sostengono l’alto tasso di proliferazione delle cellule tumorali.

Inoltre, il consumo di glucosio nella dieta provoca la secrezione di insulina, un fattore di segnalazione oncogenica ben preciso. Il glucosio contribuisce alla progressione del cancro, alla resistenza alla terapia e, in alcuni casi, alla genesi del cancro. A differenza di altri nutrienti (come gli aminoacidi essenziali) i livelli sistemici di glucosio possono essere ridotti con modificazioni dietetiche relativamente semplici. Pertanto, la riduzione di assunzione di glucosio nella dieta è un obiettivo ideale per migliorare l’efficacia delle terapie del cancro.

Privazione di aminoacidi

Sebbene gli amminoacidi siano tradizionalmente classificati come “essenziali” o “non essenziali”, in base ai loro requisiti dietetici relativi alla forma e alla crescita dell’organismo, queste categorie sono meno rilevanti per le cellule tumorali. La maggior parte degli aminoacidi “non essenziali” sono richiesti in grandi quantità dalle cellule tumorali per vari processi anabolici e la privazione di specifici aminoacidi compromette spesso gravemente l’idoneità delle cellule cancerose, indipendentemente dalla loro capacità di sintetizzare questi aminoacidi. Quando si discute della restrizione dietetica degli aminoacidi, è importante considerare che, a causa dell’atrofia muscolare, è probabile che la privazione alimentare di aminoacidi essenziali causi un aumento dei livelli di tutti gli aminoacidi non privati ​​nel siero. Persino il completo ritiro di tutte le proteine ​​alimentari è inefficace nel ridurre i livelli della maggior parte degli aminoacidi acidi nel sangue.

Pertanto, impoverire i livelli di aminoacidi nell’ambiente tumorale potrebbe provocare una grave riduzione nell’intero organismo di questi aminoacidi. Da un punto di vista tecnico, una specifica restrizione di aminoacidi può essere raggiunta nell’uomo da bevande proteiche definite, integrate con frutta, verdura e alcuni cereali.

Come integrare i nutrienti nella dieta

A differenza della privazione di nutrienti essenziali, come gli aminoacidi, l’integrazione della dieta con nutrienti vitali, come l’istidina e il mannosio, è una possibile modifica dietetica che può essere facilmente applicata come complemento alle terapie stabilite. La sfida qui è identificare i nutrienti la cui integrazione inibirà la crescita tumorale, poiché questi devono essere selettivamente tossici per le cellule trasformate o sinergici con terapie anticancro. La ricerca si sta concentrando sui nutrienti istitina (contenuta ad esempio in cotolette di vitello, tacchino arrosto, farina di soia) e mannosio, un monosaccaride che si accumula a livello intracellulare e che può interferire con il metabolismo del glucosio, inibendo così la crescita delle cellule tumorali.

I farmaci che contengono nutrienti

Le cellule tumorali sono spesso auxotrofie: significa che sono incapaci di sintetizzare le sostanze necessarie per crescere, ma se queste sostanza vengono loro fornite dall’esterno sono in grado di usarle. Ciò presenta una vulnerabilità delle cellule tumorali che può essere bersaglio non solo di interventi dietetici, ma anche di approcci farmacologici. Per alcuni dei nutrienti discussi qui, la letteratura fornisce informazioni solo sull’esaurimento farmacologico e non dietetico, anche se l’esaurimento dietetico di alcuni di questi nutrienti potrebbe essere superiore. Una combinazione di restrizione dietetica e targeting farmacologico di questi nutrienti selettivamente essenziali, come gli aminoacidi e il folato di vitamina, potrebbe favorire l’esaurimento di questi nutrienti e una migliore risposta alla terapia del cancro.

Il ruolo degli acidi grassi

Ci sono altri nutrienti, inclusi altri aminoacidi e acidi grassi, che sono essenziali per l’alto tasso di proliferazione delle cellule tumorali; tuttavia, non è chiaro se la restrizione dietetica di questi nutrienti sia fattibile o sicura, e se inibirà la crescita del tumore.

Un interesse particolare viene riservato agli acidi grassi: una dieta povera di grassi sembra migliorare la sopravvivenza dei topi obesi colpiti da leucemia. Al contrario, una dieta ricca di grassi aumenta il numero di carcinomi nell’intestino. I risultati degli studi suggeriscono che privare i pazienti affetti da tumore di acidi grassi potrebbe aiutare a “far morire di fame” alcuni tipi di cancro. Allo stesso modo, gli studi indicano la possibilità che una dieta chetogenica ad alto contenuto di grassi potrebbe avere effetti tumorigenici in sottogruppi di tumori. Al momento, non è ancora chiaro su quali tipi di cancro e quali tipi di pazienti – a seconda delle loro abitudini alimentari o del loro BMI – body mass index, ad esempio) possano trarre il massimo beneficio da una dieta povera o ricca di grassi.


Punti di vista

Diabete: che ruolo ha la dieta e l’integrazione alimentare?

La Nutraceutica ha mostrato grande efficacia per contribuire al controllo di patologie complesse come il Diabete. Ne abbiamo parlato con il Dr. Francesco Di Pierro.

La Nutrizione e il paziente oncologico

Con il Dr. Emmanuele Rinninella di CEMAD parliamo di paziente oncologico. Primo elemento da sottolineare: un paziente con una diagnosi…